Rossana Molinatti

La vestizione della sposa

Una provocazione non voluta

È stato uno dei miei traguardi più difficili e più ambiziosi. Ho dovuto misurarmi con la statica ed il peso. Sono cinque figure, una più emblematica dell'altra. L'arte di Max Ernst non è abbastanza accettata dalla gente comune. Il regista Gunther Haller di Merano ha fatto un film di tutta la complessa composizione, seguendo fase per fase il progredire della. costruzione; un film che è stato più volte premiato in varie parti del mondo. La rivista tedesca "Bunte" ha scritto alcune frasi a mio avviso molto azzeccate: “… ella personifica con il suo costume nel modo più chiaro quell'elemento costante che rende il Carnevale di Venezia più dinamico rispetto ad un carnevale qualunque. Rossana Molinatti ha inoltre trovato un vero monumento del Carnevale per questa città che già di per sé è più che un prodotto della fantasia, vista la sua struttura. Le è riuscito con la sua maschera di innalzare fino al surreale, con niente più che stoffe e piume, la incredibilità della Serenissima, la più grande meraviglia del mondo creata dalle mani dell'uomo, ai confini tra oriente e occidente.” Io, personalmente, ho avuto dai Veneziani critiche in parte spiacevoli in parte divertenti. Mentre mi fotografavano davanti alla Basilica di San Marco, due poliziotti, mi hanno fatto spostare, perché secondo loro era una maschera pornografica. Era il lontano 1988.Ho scoperto che Klimt è molto conosciuto tra il pubblico ed in particolare: "Il Bacio"; ha anche meritato una copertina del Venerdì di Repubblica e citazioni su riviste nazionali e internazionali. Qualcuno però diceva: "Sono due a letto"! Forse a causa dl pannello dorato del fondo!

Pagina di “Bunte” 

del 19.01.1989.

Cliccare per scaricare il file JPEG (512 kb)

1458

Londra, National Gallery

1988

OMAGGIO 

A MAX ERNST

1940 - Venezia, 

Collezione Peggy Guggenheim

INDIETRO

Pagina di “Travel LIfe” del 02.1990.

Cliccare per scaricare il file JPEG (452 kb)

Il cortometraggio “La vestizione della posa” 

di Günter Haller (1988)

AVANTI